Gli articoli di Campanialive.it

 

Le stazioni meteo amatoriali, attendibilità del rilevamento dei dati.

Autore: Gabriele Branno
17/07/2010 (letto 6264 volte)

Con questa breve esposizione, vorrei porre in evidenza alcuni aspetti della “meteorologia amatoriale” che a mio avviso gratificano...

 

Immagine non disponibile

Con questa breve esposizione, vorrei porre in evidenza alcuni aspetti della “meteorologia amatoriale” che a mio avviso gratificano non poco tutti coloro che come me “ardono” di passione per ogni tipo di fenomeno atmosferico ed in particolare per quegli eventi meteo inconsueti che per molti, invece, rappresentano soltanto delle circostanze spiacevoli, come ad esempio lo scoppio improvviso di un temporale, una grandinata o una gelata eccezionale, la neve che imbianca la città fin sulla costa, una raffica di vento che supera gli 80 km/h. Il meteo-appassionato, ciascuno con la propria strumentazione meteo che ha disposizione, o meglio, che può permettersi, cerca per quanto possibile di misurare i parametri meteorologici essenziali della propria zona, dilettandosi poi nel confrontarli con quelli ufficiali, registrati dalle stazioni meteo di rilevamento più vicine. Quante volte vi sarà capitato di incontrare persone particolarmente esperte nel campo della meteorologia e sentirsi dire da queste che per avere dati meteo attendibili è necessario in primis dotarsi di costosissime stazioni meteo professionali. Pur consapevoli che la maggior parte delle stazioni meteo non sono a norma OMM, perché urbane, anch’esse, se correttamente installate, possono fornire dati molto attendibili. (Segue)

Per leggere tutto l'articolo scaricare il file pdf

Scarica l'articolo completo in pdf

Se vuoi dire la tua su questo articolo clicca qui.

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni