Gli articoli di Campanialive.it

 

Il bradisismo flegreo e il tempio di Serapide.

Autore: Redazione Campanialive.it
29/05/2010 (letto 8693 volte)

Breve storia recente del bradisismo flegreo attraverso l'osservazione del tempio di Serapide...

 

Immagine non disponibile

Nei periodi di tempo compresi tra il 1970-72 ed il 1982-84 gli abitanti dell’area flegrea, e di Pozzuoli in particolare, sono stati testimoni e vittime di un fenomeno di sollevamento del suolo che, in pochi mesi, ha portato quest’ultimo ad un livello, complessivamente, di circa 3.5 m più alto. Questo fenomeno è noto con il nome di bradisismo (letteralmente movimento lento del suolo, in contrapposizione con il movimento veloce che si realizza nel corso di un terremoto). Il tempio di Serapide a Pozzuoli nella seconda metà degli anni '60 aveva il pavimento sotto il livello del mare a testimoniare un abbassamento del suolo successivo alla sua costruzione in epoca romana. Il tempio di Serapide a Pozzuoli oggi ha il pavimento sopra il livello del mare ad indicare un sollevamento del suolo rispetto agli anni '60.Il luogo, più di ogni altro, testimonianza nei secoli del bradismo flegreo è il macellum (mercato di epoca romana meglio conosciuto con il nome di Tempio di Serapide) situato in prossimità del Porto di Pozzuoli. Le rovine di tale costruzione (che risale alla fine del I sec.d.C) sono state di grande utilità per la ricostruzione dell'andamento del bradisismo grazie ai fori prodotti dai litodomi (i cosiddetti datteri di mare, ovvero molluschi marini che vivono in ambiente costiero al limite tra l'alta e la bassa marea) sulle colonne che, a partire dal IV sec. d.C. in poi, testimoniano le variazioni del suolo rispetto al livello marino.
Fonte Osservatorio Vesuviano

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni