Gli articoli di Campanialive.it

 

Lo scempio della collina napoletana

Autore: Redazione Campanialive
09/03/2005 (letto 7401 volte)

Con tutta probabilità se ne riparlerà quando qualche tragedia sarà compiuta...

 

Con tutta probabilità se ne riparlerà quando qualche tragedia sarà compiuta e intanto il silenzio sullo scempio della collina dei Camaldoli continua anno dopo anno tra abusivismo,frane,e incendi dolosi. Il risultato? La collina è in pericolo. Nelle foto di fianco sono evidenti i movimenti franosi che interessano la collina dei Camaldoli a Napoli.


La cosa più grave è che alla base dei costoni tufacei che anno dopo anno cedono sempre di più, c'è un'intera parte del quartiere di Soccavo con le sua case, anche abusive.Lo scempio del territorio napoletano continua imperturbato.


Pioggia dopo pioggia il terreno cede.La collina dei Camaldoli è il segnale evidente di un territorio gravemente ammalato sul quale si continuano ad effettuare scempi.Una città con il minor numero di verde pubblico per abitante.


Una città dove ad ogni precipitazione piovosa succedono frane, voragini e smottamenti vari con grave rischio per l'incolumità dei passanti.Ma nessuno denuncia. A questo punto è tutto normale se le strade sono una percorso ad ostacoli. Anche Via Conte dell'Acerra al Vomero è chiusa per un corposo smottamento dovuto al cedimento di un terrapieno di cemento poco prima della sede dell'ASL.Cemento su cemento senza dare spazio al verde anzi distruggendo quel poco che ne rimane. Un esempio? il MedMaxicinema in viale giochi del Mediterraneo ettari di campagna cittadina sventrati per far posto ad una struttura che poteva tranquillamente essere realizzata nella zona orientale della città al posto di quelle orribili e squallide ex fabbriche ed ex raffinerie.Invece, sono stati distrutti altri ettari di campagna al posto di riutilizzare spazi già cementificati negli anni passati.Pezzo dopo pezzo la terra viene strappata per far posto al cemento e a strutture che potrebbero essere benissimo piazzate dove il cemento già c'era.Ma questa è Napoli tutta scempio, frane e smottamenti.

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni