Gli articoli di Campanialive.it

 

Nottata tempestosa sulla Campania quella del 30 novembre 2017

Autore: Dott. Alberto Fucci
01/12/2017 (letto 381 volte)

Cronaca di una notte di tempesta autunnale in Campania.

 

Immagine non disponibile

Campania colpita duro dal maltempo. Dalla serata di ieri e fino alle prime ore mattutine di quest’oggi violenti rovesci e nubifragi, accompagnati da vento fortissimo meridionale anche oltre i 100 km/h, non hanno dato tregua. Non mancano disagi e danni. Molte scuole rimaste chiuse quest’oggi nel Salernitano, dove si sono registrati accumuli pluviometrici localmente notevoli.

L’intensa irruzione artica che nelle prossime ore interesserà l’Italia ancor più nettamente con forti piogge, vento e anche neve a bassa quota al centro-nord, è stata preceduta da un temporaneo e forte richiamo di aria più mite dai quadranti meridionali al centro e sud Italia. Questo richiamo più mite, si è contrapposto ad aria ben più fredda, già in discesa dal nord Europa sull’Italia settentrionale nella giornata di ieri con nevicate fino a bassa quota che hanno interessato il nord-est. Tutto ciò ha causato la formazione di un intenso sistema depressionario sul settore tirrenico centrale e meridionale che ha fatto sentire la sua influenza soprattutto su Lazio e Campania. Su quest’ultima regione si è registrata una notte tempestosa con fortissimi rovesci accompagnati da vento impetuoso dai quadranti meridionali. Non sono mancati danni e disagi.

Particolarmente colpito L’Avellinese e il Salernitano con accumuli pluviometrici che, localmente, hanno raggiunto anche i 90-100 mm a partire dalla serata di ieri. Si sono registratioltre90 mm ad Avellino città, circa 105 mm a Mercato San Severino (SA).Non sono mancate, in alcuni punti le esondazioni, segnatamente del fiume Sarno all’altezza di San Marzano sul Sarno (SA)e Castellammare di Stabia (NA) dove si è registrato l’allagamento di numerosi scantinati.

Il Casertano ha contato accumuli compresi tra i 50 e 60 mm di Arienzo (CE) e Caserta città, accumuli poco inferiori nel Napoletano.

Per quanto riguarda il Beneventano più colpita è risultata la parte occidentale della provincia con i comuni diFaicchio, Montesarchio, Campoli di Monte Taburno che hanno superato i 50 mm.

Nel grafico in pagina, indicante l'intensità e la direzione del vento della stazione meteorologica "Monte Partenio (AV)". Si nota vento fortissimo nelle ore notturne tra le ore 00.00 e le ore 4.00 con raffiche tra i 65-70 kts (equivalenti a 130-135 km/h). Raffica massima di 78 kts (144 km/h) poco dopo le ore 2.00.

Il massimo comune denominatore per tutta la regione è stato il fortissimo vento dai quadranti meridionali(SSW) nelle ore notturne. Si segnalano diversi alberi caduti sulle strade, cadute di cornicioni e danneggiamenti di diverse serre. Diffusamente si sono registrate raffiche superiori ai 65 km/h con il picco registrato nell’Avellinese : ben 144 km/h la raffica massima registrata sul Monte Partenio (AV) a 1484 mt di quota! Raffiche diffusamente oltre gli 80-90 km/h anche sul resto del territorio avellinese.

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni