Gli articoli di Campanialive.it

 

Se un semplice olio può placare le tempeste

Autore: Prof. Adriano Mazzarella -
Responsabile Osservatorio Meteorologico Università Federico II di Napoli
26/09/2009 (letto 5943 volte)

Il vento genera onde alte fino a 6 metri nel Mediterraneo...

 

Immagine non disponibile

Il vento genera onde alte fino a 6 metri nel Mediterraneo e fino a10-12 metri nell’oceano. Già Plinio il Vecchio, nella sua Storia Naturale, parla del carattere miracoloso dell’olio per placare le tempeste. L’olio, quando è versato sul mare agitato, si espande rapidamente in superficie e crea una pellicola che impedisce l’aderenza fra aria e acqua. In tal modo il vento non riesce più a far presa sull’acqua e a formare le onde. Numerosi sono gli oli vegetali ed animali utilizzabili: il migliore è l’olio di oliva, per la sua rapidità di propagazione, ma ha il difetto di congelare a temperature di appena 2 gradi e viene miscelato con oli minerali meno efficaci ma più resistenti al freddo. Ottimi fra quelli animali, gli oli di balena e foca, fra quelli vegetali gli oli di trementina, cotone e lino. Per distribuire l’olio si utilizzano degli appositi sacchetti di tela, della capacità di 4-8 litri, riempiti di stoppa inzuppata d‘olio, opportunamente forati per favorire un lento ma continuo rilascio. Il consumo si aggira intorno ai 3 litri per ora. Recentemente, un team di ricercatori, guidato da Peter Behrrozi dell’Università della California, ha utilizzato un interferometro a laser, strumento sofisticato e molto preciso in grado di scoprire il motivo per il quale l’olio riesce a calmare le onde. I risultati, pubblicati sull’American Journal of Physics, dimostrano che sono proprio le proprietà elastiche e non viscose dello strato di olio a dissipare l'energia delle onde.

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni