Gli articoli di Campanialive.it

 

La tempesta di Halloween ottobre 2012

Autore: Redazione Campanialive.it
01/11/2012 (letto 2651 volte)

La notte del 31 ottobre è stata molto tempestosa sulla Campania

 

La coincidenza della perturbazione atlantica con la notte delle streghe ha subito fatto si che questa ondata di maltempo da poco conclusa sulla nostra regione fosse denominata la tempesta di Halloween. In effetti il fronte nuvoloso occluso si è rivelato di quelli intensi e corposi in grado di generare forti venti e abbondanti precipitazioni su tutta la regione. In realtà tutta la penisola italiana è stata interessata dalla perturbazione ma noi faremo riferimento alla sola nostra regione come nostra consuetudine.



Questa è l'analisi al suolo delle ore 06Z nella quale si nota il profondo vortice centrato sulle isole Baleari. Grazie all'azione di blocco anticiclonico presente sui Balcani e sulla Grecia, la spinta della depressione verso est genera forti venti meridionali da sud est sulla nostra penisola. La Campania è investita in pieno da forti venti di Scirocco, sud est appunto.



Nella foto la mareggiata da sud est vista a Marina Piccola a Capri con raffiche di 50 kts



Il caratteristico fenomeno dell'acqua alta ad Ischia Ponte (NA), tipico con il vento di Scirocco, le cui cause secondo alcuni studi sono da attribuire al bradisismo che sta facendo sprofondare in basso la piattaforma sulla quale si poggia l'isola.



Una splendida immagine satellitare sul canale del visibile che ci mostra l'uncino della depressione centrata sulle Baleari che successivamente si sposterà sulla Sardegna e poi sul Tirreno centro settentrionale attivando forti venti prima da sud-est e successivamente da ovest.



Purtroppo non sono mancati gli incidenti. Ad Ischia ad esempio, un albero secolare è stato abbattuto dal forte vento di Scirocco crollando su alcune strutture commerciali e solo un caso ha voluto che non ci fossero feriti.



Nel filmato sopra la mareggiata con onde alte anche 4-5 metri che si abbatteva lungo la costa meridionale di Capri presso la località di marina Piccola, il vento soffiava a 50kts ed oltre.



Nel filmato la misurazione del vento che abbiamo effettuato presso la località di punta Carena a Capri in un punto molto esposto con raffiche di vento di 60 kts. Lo strumento non permetteva di rilevare velocità più alte in quanto è finito a fondo scala ma probabilmente le raffiche in mare avranno superato anche i 70 kts.



Di fianco una tabella nella quale riportiamo gli estremi del vento più significativi rilevati presso le nostre stazioni. Spiccano i 74 kts di Montevergine record dal 2007 e i 62 kts di Cetara (SA) documentati nel filmato dell'altro articolo sul downburst. Degni di nota anche i 57 kt di Pozzuoli (NA) e i 50 Kts rilevati presso l'Osservatorio storico di Capodimonte (NA)



Concludiamo ricordando che n queste due perturbazioni di fine ottobre sono caduti sulla nostra regione molti millimetri di pioggia che hanno fatto risalire leggermente la media annuale che era in deciso deficit. Da segnalare i 235 mm. del Piano Laceno (AV) e i 268 mm. dell'Osservatorio di Montevergine (AV) caduti nei 6 giorni che vanno dal 26 al 31 ottobre. Moltissime le località over 100 mm. sparse in regione.



 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni