Gli articoli di Campanialive.it

 

Neve bis al piano il 9 febbraio 2015

Autore: Redazione Campanialive.it
14/02/2015 (letto 3253 volte)

Nuova eccezionale nevicata questa volta diurna avvenuta a tutte le quote in Campania il giorno 9 febbraio.

 

A distanza di poco più di un mese dalle eccezionalmente gelide giornate del 30 e 31 dicembre 2014, ecco una replica. Si è trattato di una replica dai lineamenti simili seppur in tono leggermente minore.
Il risultato è stato il ritorno della neve non solo nelle aree in cui questo fenomeno è più consueto ma anche (e da qui si evince che l’irruzione di aria fredda è stata comunque molto intensa) a Napoli, persino sulle zone del lungomare.
I segnali di un possibile ritorno del freddo erano stati intravisti dai modelli previsionali già nei primi giorni del mese di febbraio ma la grande distanza temporale suggeriva molta prudenza.



Seppur con i fisiologici “east shift” e “ovest shift”, col passare dei giorni prendeva consistenza questa ipotesi.
Il giorno 7 febbraio la massa di aria fredda si metteva in marcia dal Mare Artico, dirigendosi a grande velocità verso SSE, nel corridoio presente tra il profondo minimo barico in area scandinava ed il centro alto pressorio centrato ad Ovest delle Isole britanniche. Nel giro di poche ore la fiumana fredda raggiungeva il Mare di Norvegia e poi entrava nel continente europeo, interessando in particolare la Germania e la Polonia. Il giorno 8 febbraio l’aria fredda si trovava già alle porte della nostra penisola, rallentata nel suo impetuoso moto, come quasi sempre accade, dal bastione alpino e dalle Alpi Dinariche.



Ma la struttura barica era tale da consentire alle masse di aria fredda di aggirare l’arco alpino ad Est e di “sfondare” la catena montuosa delle Alpi Dinariche. Infatti nel pomeriggio dell’8 febbraio l’aria fredda irrompe sui mari intorno all’Italia causando, per contrasto termico, la formazione di compatti corpi nuvolosi sull’Italia centro-meridionale.



La Campania viene interessata da precipitazioni di media entità, associate ad un sensibile rinforzo del vento da NE. La neve inizia a scendere di quota ma i valori termici non sono ancora in grado di apportare la neve a quote basse. Durante la notte si ha l’avvezione delle masse di aria più fredda, con lo zero termico che si porta a 200-300 m di quota.



Ma il nocciolo duro dell’irruzione era ancora sul medio Adriatico. Sulla Campania costiera si erano aperte schiarite anche ampie mentre sulle zone interne si manifestavano nevicate a “macchia di leopardo”. Il capoluogo più colpito in questa prima fase è stato Benevento, con una nevicata con caratteristiche di blizzard a motivo del vento forte da NE.
La pressione degli apporti freddi provenienti dalla penisola balcanica sui versanti orientali dell’Appennino centro-meridionale tendeva a crescere ulteriormente tanto che in mattinata il muro (il famoso Stau) iniziava a mostrare le prime e più profonde crepe, sino a cedere di schianto nel corso della mattinata come visibile nella foto seguente che mostra lo sfondamento delle nevicate sull'appennino campano nell'immediato entroterra casertano.



Le nevicate iniziano ad interessare, oltre alle zone interne del Sannio e dell’Irpinia, già interessate da qualche ora, anche quasi tutta la piana casertana, con nevicate di notevole intensità a Caserta (vedi foto Reggia) e, dalla tarda mattinata, anche la provincia di Napoli, con vere e proprie bufere di neve sull’area vesuviana e sull’agro nocerino-sarnese.


Neve sul parco della Reggia di Caserta (CE)



La neve cade sul castello di Limatola (BN)



Qui siamo sulle alture di Casertavecchia circa 350 mt sul livello del mare.



La temperatura si abbassa ovunque di circa 2°C facendo si che le zone collinari di Napoli si vengano a trovare prossime allo 0°C e le zone “basse” (il Centro e le zone del lungomare) tra i 2 e i 3°C.



Questo status termico fa sì che la neve scenda, a tratti turbinosa, come accaduto già il 30 e il 31 dicembre 2014, anche sul Porto di Napoli e su Via Caracciolo.



Nel momento di massima intensità (tra le 13 e le 14) la visibilità orizzontale scende a tratti sotto i 1000 metri, regalando uno scenario quasi nordico. Nell'immagine ad alta risoluzione del satellite polare si nota benissimo lo sfondamento in atto proprio sulla nostra regione. Il sereno rimane solo sulla costa casertana e parte del Cilento e piana del Sele.



La neve cade copiosa e a fiocchi anche sul centro di Napoli. Qui siamo in via S.Rosa sommersa dai fiocchi. Foto di Janeth Garcia Palmisano



Neve sul Vomero vista da V.P.Castellino foto di Giuseppe Figliola



Dopo le 14.30 l’ammasso nuvoloso trasla verso SE, andando ad interessare ampie porzioni della provincia di Salerno. In questa area le precipitazioni nevose, complici nuovi apporti nuvolosi provenienti dalle zone interne, perdurano per gran parte del pomeriggio.
Qui siamo a Pompei (NA) foto di Giuseppe Vitiello



Nevica anche a Positano (SA)



Nevica anche in pieno centro di Salerno dove a tratti a causa della forte intensità riesce anche a depositarsi al suolo uno strato nevoso nonostante la temperatura non scenda sotto i 2°
Foto di A.de Falco



In serata le condizioni termiche iniziano a salire, relegando i fenomeni nevosi, a carattere isolato, solo sulle zone interne collinari e montuose.
La terrazza dell'Osservatorio di Montevergine sepolta da oltre un metro di neve fresca.



Il giorno prima splendeva il sole ma all'Osservatorio meteorologico posto a quota 1280 era già un delirio di bianco candido.





Si è trattato, quindi, di una intensa incursione di aria fredda, ma di breve durata, una specie di “toccata e fuga” dell’Artico alle nostre terre. Le temperature sono state mediamente più elevate di circa 3°C rispetto a quelle misurate il 30 e 31 dicembre. Le nevicate sono state però osservate da tutti, in quanto accadute anche in pieno giorno (come a Napoli).

Si ringraziano MVOBSV.org , gli utenti del forum e di FB per le foto e l'Ing. Alberto Fortelli per la stesura dell'articolo.

Se vuoi dire la tua su questo articolo clicca qui.

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

 

Torna in cima


Ricerca articoli

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni