Le escursioni di Campanialive.it

 

Escursione sui Monti Lattari - Molare 1444mt slm

Autore: Vincenzo d'Urso
22/12/2009 (letto 7290 volte)

Articolo inviato da Vincenzo d'Urso, appassionato di meteorologia.

 

Domencia mattina abbiamo deciso di salire sul Molare (Sant'Angelo ai tre pizzi - Monti Lattari).

Siamo partiti da Nocelle, frazione collinare di Positano. L'aria fredda era entrata da qualche ora, erano le 7.30 infatti quando alla partenza svolazzavano fiocchi coreografici portati dal vento.

I primi accumuli nevosi a partire da 1000 mt. s.l.m. lato sud (Tavole della Conocchia). Il vento spirava forte da nord, freddo, ma non abbiamo idea sulla temperatura.

Eravamo sprovvisti anche di una macchina fotografica decente. L'ammasso nuvoloso passava sul mare con qualche virga nevosa verso Punta Licosa. Qualche ammasso nuvoloso anche sopra Capri dove crediamo sia caduto qualche fiocco coreografico.

Prima della 10 scolliniamo a 1200 mt sulla Croce della Conocchia. Lo scenario che si presenta è nordico, poca neve, nell'ordine di qualche centimetro accumulato anche grazie al vento. Siamo sul lato nord, quello che affaccia sul Monte Faito e sul Vesuvio, entrambi leggermente innevati. Poca neve dovuta alla mancanza di vere e proprie precipitazioni.

Abbastanza freddo denotato dalla presenza di stalattiti di ghiaccio. Il sentiero dalla Croce della Conocchia al Molare era commovente. Neve e ghiaccio. Ghiacciata anche l'ultima parte del sentiero che porta fin sul Molare dove il vento ci impediva di goderci il panorama.

Si vedevano chiaramente gli appennini verso l'Irpinia innevati. Ritorno immediato a Positano, già con vento che era girato da ponente, sole piacevole, il freddo era già andato via.












































































































Mario Attanasio
Oreste Attanasio
Vincenzo d'Urso

 

Condividi:

Facebook MySpace Twitter  

Torna in cima


Ricerca escursioni

 

Ricerca per titolo:

 

Ricerca per testo contenuto:

Tutte le parole Almeno una parola

 

Clicca qui per maggiori informazioni